Voci di capitolato

Voci di capitolato

Descrizione delle opere

Manto di copertura realizzato con lastre grecate coibentate in _______ tipo Tek 28 ottenute con processo produttivo in continuo spessore della lastra _______ finitura _______, profilo Alubel 28 passo 112 mm, coibentazione in schiuma poliuretanica a cellule chiuse, applicata all'intradosso della lastra, spessore costante 8 mm a seguire la superficie geometrica della greca da posare e sormontare con sovrapposizione laterale pari ad una greca e mezzo.

Tipo e qualità del materiale

Il materiale utilizzato è lega di alluminio tipo 3003÷3004÷3103÷3105 secondo norme UNI 9003/1, UNI 9003/2, UNI 9003/3 e UNI 9003/5, stato fisico H16÷H29 in base allo spessore.

Spessori standard: acciaio preverniciato 0,5 mm - alluminio 0,6 mm.

La finitura superficiale è di tipo: liscio naturale – preverniciato sul lato a vista e con primer sul lato opposto.

La finitura preverniciata è nel colore standard: Rosso bruno (RAL 3009) – Bianco grigio (RAL 9002). La finitura preverniciata è nel colore extrastandard: Testa di moro (RAL 8017) – Grigio antracite (RAL 7016) - Silver (RAL 9006) - Verde muschio (RAL 6005) - Blu genziana (RAL 5010).
Altri colori RAL sono a richiesta.

Applicazioni integrative

Lastre curve ad impronta

Le lastre vengono, successivamente alla normale profilatura, sottoposte a curvatura mediante stampaggio a colpi con impronte equidistanti, per conferire loro, in funzione del numero dei segmenti fra le impronte e del relativo interasse, il raggio di curvatura richiesto.

Lastre curve calandrate

Le lastre vengono, successivamente alla normale profilatura, sottoposte a curvatura mediante ripetuti passaggi attraverso un impianto di calandratura a controllo numerico costituito da tre motrici sagomate, in modo da garantire l’esatto raggio di curvatura richiesto.

Lastre curvate parzialmente

Le lastre vengono, successivamente alla normale profilatura, sottoposte a curvatura, solamente in zone predeterminate, mediante stampaggio a colpi con impronte equidistanti, per conferire loro, in funzione del numero dei segmenti fra le impronte e del relativo interasse, il raggio di curvatura richiesto.
La lunghezza massima delle lastre oggetto della lavorazione sono di 4000 mm.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni